Itinerario Cima Garibaldi, Lempruchlager e Lago d'Oro
Descrizione dell’itinerario
Questo è l’itinerario più facile che abbia mai percorso. Esso è indicato praticamente per tutti: persino i miei genitori settantenni, infatti, hanno visitato le postazioni. Ciò dimostra l’agibilità del percorso.
Il punto di partenza è il Passo dello Stelvio a 2'757 metri al disopra del livello del mare. L’automobile può essere lasciata in uno dei vari parcheggi.
Sul sentiero No. 20, abbastanza ripido, si sale per circa 10 minuti fino a raggiungere la Cima Garibaldi (2'860 m.s.l.m). Il tracciato è largo e può essere percorso comodamente con le scarpe da ginnastica.
Durante la salita si passa accanto a diversi resti di postazioni imperiali. Sulla sinistra si vedono delle reti da trincea, le quali furono usate per costruire i trinceramenti. Poco sotto la cima si passa una postazione per mitragliatrici, che era in grado di battere la terra di nessuno al di sotto del passo. Arrivando in cima, il tratto più ripido dell’itinerario è stato superato. Da qui in poi il terreno è pianeggiante.
Sulla Cima Garibaldi si trova l’omonimo rifugio, di cui vale la pena visitarne l’interno. Qui ci si può godere una birra fresca e dare un’occhiata alle foto ed agli oggetti d’epoca, che danno una prima impressione degli eventi bellici in questa zona.
Sul versante ripido della montagna, poco distante dal rifugio, si trovano i resti del trincerone austro-ungarico. Purtroppo, a parte pochi resti di filo spinato e di reti da trincee, non è rimasto più molto da vedere. Gli Imperiali hanno costruito questa postazione direttamente accanto alla frontiera di Stato con la Svizzera. La vicinanza del confine dava parecchia sicurezza. Per l’artiglieria italiana era molto difficile centrare questa postazione, senza rischiare di colpire il territorio elvetico. Alle truppe italiane non era neppure concesso sparare sopra territorio elvetico.
Proseguendo sul sentiero No. 20, si passano diverse rovine di baracche e di magazzini. Sulla sinistra si può visitare il monumento dedicato alle truppe ungariche, dislocate sulla Cima Garibaldi.
Dopo circa un quarto d’ora si raggiunge il Lempruchlager (=campo Lempruch). Questo villaggio militare imperiale porta il nome del Generale Maggiore von Lempruch, comandante del Rayon Difensivo No. I.
Seguendo il sentiero, in 20 minuti circa si raggiunge la Goldseestellung (= postazione Lago d’Oro) e l’omonimo laghetto. Qui si trovava una batteria d’artiglieria austro-ungarica, che era in grado di colpire le linee italiane al di sotto del passo dello Stelvio, fino alla Trafoiereiswand. Qui si possono visitare i resti dei baraccamenti delle truppe, quelli della teleferica da trasporto, un posto d’osservazione ed una trincea in cemento armato con feritoie.
Si torna al punto di partenza percorrendo lo stesso tragitto: e dopo 45 minuti circa si raggiunge il passo.
 
Cartina
 
Cartina dell'itinerario
 
Il panorama dello Stelvio con al centro il passo, sul lato sinistro il Monte Scorluzzo(2'841 m.s.l.m.) und sul lato destro la Cima Rosola (3'026 m.s.l.m.). In bicicletta una bellissima gita!
Origine: cartolina postale e www.schwobaland-extrem.de/Stilfserjoch_2752m.jpg
Il Passo dello Stelvio (2'757 m.s.l.m.), qui visto dalla terrazza del Rifugio Garibaldi (2'841 m.s.l.m.), è il punto di partenza di questo itinerario (15.10.2001).
Una cartolina del Passo dello Stelvio. Il nome tedesco dell’epoca era “Ferdinandshöhe”, dell’anno ca. 1905. Sullo sfondo si vedono lo Scorluzzino (ca. 2'950 m.s.l.m.) ed il Monte Scorluzzo (3'094 m.s.l.m.). Per il presidio di queste due cime, dal giugno 1915 in poi, si svolsero aspre battaglie tra le truppe italiane e Origine imperiali.
Origine: www.gomagoi.com
Il Passo dello Stelvio prima della guerra. Sullo sfondo la Dreisprachenspitze o Cima Garibaldi (2'860 m.s.l.m.) con l’omonimo hotel. In primo piano l’Hotel Ferdinandshöhe che sarà distrutto dalle artiglierie italiane.
Origine: libro Il Capitano sepolto nei Ghiacci p.72
gentilmente messo a disposizione dalla casa editrice Alpinia
 
Il Passo dello Stelvio durante la guerra. Si riconosce il già distrutto Hotel Ferdinandshöhe e quello sulla Dreisprachenspitze, che sarà distrutto da un fuoco.
Origine: tabella informativa al Forte di Oga
 
L'Hotel Dreisprachenspitze
Origine: tabella informativa sulla Cima Garibaldi
 

Un ulteriore foto del Hotel Dreisprachenspitze.
origine: http://ansicht.kaar.at/

 
Questa è una foto molo importante, scattata poco prima dell’inizio della ostilità: mostra che gli Alpini possedevano il Passo dello Stelvio (l’Hotel Franzeshöhe durante il conflitto venne distrutto), poi facilmente preso dagli imperiali.
Origine: libro Il Capitano sepolto nei Ghiacci p.77
Mit freundlicher Erlaubnis des Verlagshauses Alpinia
 
torna a Itinerati
ulteriori immagini